Chirurgia Plastica: Lato B da Urlo a cura del Dott. Pierfrancesco Bove

"La carnalità del sedere è stata da sempre oggetto di indagine nell’arte. Dal cinema alla fotografia, dalla pittura alla scultura, il lato B è stato considerato sempre un gran bel protagonista"

Il primato più bello del sedere, nella storia della scultura, lo detiene la Venere Callipigia, le morbide forme della statua sono l’apoteosi della sensualità scolpita nel marmo. La stessa etimologia del nome, ovvero la Venere dalle “belle natiche” (kàlos=bello e pygos=natiche),  richiama l’importanza e la bellezza del lato B della Dea, che è colta nel gesto di alzare il peplo scoprendo un fondoschiena di proporzioni perfette. 

www.pierfrancescobove.it
Natiche, glutei, sedere, deretano, c…lo, didietro, posteriore, parte bassa, fondoschiena: nomi e perifrasi certo non mancano a quelle due masse muscolari ricoperte da uno strato di grasso che, tra tutte le parti anatomiche umane, sono da sempre le più controverse. Per la sessuologia i glutei sono da sempre luogo primario di presentazione e proposta sessuale nei primati. Alcuni antropologi e sociobiologi credono che il feticismo del seno deriva proprio dalla sua somiglianza con i glutei, venendo così a fornire un'attrazione sessuale specifica anche alla parte anteriore del corpo femminile. Negli esseri umani, le femmine hanno generalmente glutei più rotondi e voluttuosi; ciò è causato dagli estrogeni che incoraggiano il corpo ad immagazzinare il grasso nelle natiche, nei fianchi e nelle cosce, mentre il testosterone maschile scoraggia il deposito di grasso in queste zone. Le natiche delle femmine umane contengono quindi più tessuto adiposo che nei maschi, soprattutto dopo la pubertà. La psicologia evoluzionistica suggerisce che i glutei arrotondati e carnosi siano opera dell’evoluzione, rendendoli zona erogena desiderabile, fornendo in più un'indicazione visiva della giovinezza e fertilità della donna. Ormai le donne hanno imparato a “sfruttarlo” come richiamo erotico naturale e lo usano come strumento di seduzione nei primi approcci e quando si arriva al momento clou. E sono sempre di più gli uomini che affermano che non c’è partita tra seno, gambe e un sedere generoso dalle natiche toniche e avvolgenti. 


E allora come fare per mantenere sempre “in forma” le natiche? 

Arriva in aiuto un’altra categoria di artisti che dedicano il loro lavoro a questa parte del corpo: i chirurghi plastici. Una delle tecniche più utilizzate dalla chirurgia plastica è il lipofilling ai glutei. Il lipofilling prevede inizialmente la rimozione di tessuto adiposo da zone in cui è presente in eccesso come addome, fianchi o cosce, e l’inserimento di questo grasso, dopo che è stato purificato, a livello della parte alta dei glutei. In questo modo i glutei prima cadenti e flaccidi ora saranno sollevati e tonici. Ma per avere un fondoschiena “brasiliano” a questa tecnica, spesso, si associa una liposcultura della regione lombo-sacrale che va a marcare le curve della schiena e a mettere in risalto il fondoschiena. Le donne, quindi, sono pronte a mostrarlo.. spetta solo agli uomini scegliere…  I maschi che amano un sedere femminile prosperoso sarebbero buoni organizzatori e padri di famiglia, quelli che preferiscono un sedere piccolo avrebbero un’indole filosofica. E quindi, la parte anatomica più estesa del corpo umano, impossibile da occultare, ai giorni nostri, esibita come maggior richiamo sessuale sotto strettissimi jeans o tanga lillipuziani, la natica, appunto, rivendica dunque il suo posto e la sua storia in Occidente. E non solo.

Dott. Pierfrancesco Bove

Chirurgia Plastica ed Estetica

 

Comments