Integratori ed integrazione alimentare

"Le moderne politiche nutrizionali si prefiggono di salvare il capitale salute ottimizzando la tavola quotidiana. È una realtà, però, che la nostra alimentazione, pur così ricca, ci ha disinsegnato a mangiare correttamente"

Spesso ricorriamo a cibi già pronti o in scatola o congelati, consumiamo i pasti in fretta quando addirittura non li saltiamo, tendiamo alla semplificazione dell’alimentazione e alla monotonia nella scelta degli ingredienti che spesso subiscono anche dei processi di modificazione (ad esempio, il latte scremato insieme ai grassi perde anche le vitamine liposolubili). Il risultato paradossale è che, nella società dell’opulenza, rischiamo di incorrere in deficit di micronutrienti.



Quando è veramente indicato l’uso degli integratori con il loro apporto aggiuntivo di vitamine, sali minerali, aminoacidi, acidi grassi, ecc.?


Nei casi in cui non è possibile alimentarsi in modo equilibrato: per la difficoltà a reperire tutte le sostanze nutritive necessarie per l’organismo, per la ridotta capacità di assumere determinati alimenti, perché si seguono regimi dietetici restrittivi, per un aumentato fabbisogno che non è soddisfatto da un’alimentazione bilanciata.

Ci sono, quindi, particolari condizioni fisiologiche nelle quali l’integrazione alimentare è ancora più indicata.

ANZIANI

  • Spesso negli anziani registriamo mancanza di appetito, problemi di dentizione e quindi cattiva masticazione; infine la pelle poco esposta al sole produce meno vitamina D. Per questo dopo i 50 anni è consigliabile aumentare l'apporto di vitamine del gruppo B, vitamina D, selenio e Q10 per combattere i radicali liberi, di vitamine per aumentare le difese immunitarie, di aminoacidi che possiamo considerare i mattoni delle proteine.

FUMATORI

  • II fumo causa la produzione di radicali liberi e riduce i livelli di vitamina C. La quantità raccomandata per i fumatori è di 100 Mg al giorno, da assumere attraverso la dieta e una integrazione equilibrata.

REGIMI ALIMENTARI PARTICOLARI

  • L'integrazione è indicata in casi di diete, intolleranze alimentari, allergie o dieta vegetariana.

SPORTIVI

  • Chi fa sport in modo continuativo ha bisogno un supplemento di minerali e vitamine, dal momento che l'attività fisica accentua la perdita di queste sostanze ed incrementa i radicali liberi che tendono a danneggiare le cellule; questi ultimi sono prodotti nella vita di tutti i giorni da chiunque, ma soprattutto da chi, muovendo i muscoli, ha un consumo di ossigeno da 10 a 40 volte più alto di quello di un sedentario. Alcuni minerali, come il magnesio, attenuano il senso di fatica muscolare; altri, come la vitamina E, aumentano la resistenza alla fatica. Importantissime per gli sportivi sono anche le vitamine del gruppo B, che servono ad assicurare la produzione di energia e il coenzima Q10 che metabolizza al meglio i grassi, le proteine e i carboidrati trasformandoli in energia.

GRAVIDANZA,ALLATTAMENTO,ADOLESCENZA

  • Durante la gravidanza e l’allattamento occorre una maggiore quantità di ferro, calcio, acido folico. Calcio, fosforo, magnesio e vitamine sono necessari anche nell'età della crescita.

DONNE IN ETÀ FERTILE

  • A causa della perdita di ferro dovuta alle mestruazioni, possono essere opportune delle integrazioni a base questo minerale.

CONVALESCENZE,STRESS

  • A seguito di malattie, operazioni chirurgiche, durante le convalescenze e i periodi stressanti è consigliabile integrare la dieta con supplementi di minerali e vitamine.

VEGETARIANI

  • Diete rigorosamente a base di cibi vegetali possono provocare carenze di ferro, proteine, vitamine D e B , calcio per cui può determinarsi la necessità di un’integrazione che copra le esigenze quotidiane di nutrienti.

                                                                                                                                   Associazione Volontari "Farma e Benessere"

scrivici: farmaebenessere@libero.it        


Parole Chiave: Salute, Benessere, Volontariato, Medicina, Medico, Farma

Ritorna alla Home Page

Comments