Meningite: Cause, cura e prevenzione

INTRODUZIONE


La meningite meningococcica è una forma batterica di meningite, una grave infezione delle meningi che colpisce la membrana del cervello. Non è semplice contrarre la meningite in Italia ed inoltre sono disponibili tre tipologie diverse di vaccini. La meningite è endemica in alcuni paesi Africani. Interessante è notare che oltre la meningite meningococcica esiste anche una meningite pneumococcicaLa meningite pneumococcica è una malattia infettiva delle meningi, potenzialmente letale, causata da Streptococcus pneumoniae. Terzo tipo di meningite è quella causato dall’Haemophilus influenzae b (emofilo o Hi). Questi tre batteri sono responsabili delle Malattie Batteriche Invasive.

Video di YouTube


Che cos’è la Meningite?


La meningite meningococcica è una forma batterica di meningite, una grave infezione delle meningi che colpisce la membrana del cervello. Può causare gravi danni al cervello ed è fatale nel 50% dei casi se non trattata. Diversi batteri differenti possono causare la meningite. Neisseria meningitidis è quella con il potenziale di causare grandi epidemie. Ci sono 12 sierogruppi di N. meningitidis che sono stati identificati, di cui 6 (A, B, C, W, X e Y) possono causare epidemie. Distribuzione geografica e potenziale epidemico si differenziano in base al sierogruppo.

batteri vengono trasmessi da persona a persona attraverso le goccioline di secrezioni respiratorie. La diffusione richiede un contatto prolungato (Baciare, starnutire o tossire su qualcuno).

Il periodo di incubazione medio è di 4 giorni, ma può variare tra 2 e 10 giorni.

Neisseria meningitidis infetta solo gli esseri umani; non vi è alcun serbatoio animale. I batteri possono essere trasportati in gola e, a volte, per motivi non del tutto chiaro, possono sopraffare le difese del corpo che permette di diffondere l'infezione attraverso il flusso sanguigno al cervello. Si ritiene che il 10% al 20% della popolazione porta Neisseria meningitidis in gola in un dato momento. Tuttavia, il tasso di trasporto può essere più elevato in situazioni epidemiche.


https://farmaebenessere.blogspot.it/2017/01/meningite-cura-prevenzione-antibiotico.html


Quali sono i Sintomi?


I sintomi più comuni sono un torcicollofebbre altasensibilità alla luceconfusione, mal di testa e vomito. Anche quando la malattia viene diagnosticata presto e viene avviato un trattamento adeguato, 5% al ​​10% dei pazienti muore, in genere entro 24 a 48 ore dopo l'insorgenza dei sintomi. La meningite batterica può causare danni cerebrali, perdita o una disabilità di apprendimento in 10% al 20% dei sopravvissuti dell'udito.



Una forma (spesso mortali) meno comune, ma ancora più grave della malattia meningococcica è la setticemia meningococcica, che è caratterizzata da una eruzione cutanea emorragica e un rapido collasso circolatorio.


Come faccio a sapere se ho la meningite?


La diagnosi iniziale di meningite da meningococco può essere effettuato tramite esame clinico seguito da una puntura lombare mostra un fluido spinale purulenta. I batteri possono a volte essere visti in esami microscopici del liquido spinale. La diagnosi è supportata o confermata coltivando i batteri da campioni di liquido spinale o di sangue, da test di agglutinazione o mediante reazione a catena della polimerasi (PCR). L'identificazione del sierogruppi e la suscettibilità ai test antibiotici sono importanti per definire le misure di controllo.


Cura e Trattamento


La malattia meningococcica è potenzialmente fatale e deve sempre essere considerata come un'emergenza medica. L’Ammissione ad un ospedale o centro sanitario è necessario.  Il trattamento antibiotico appropriato deve essere iniziato appena possibile, idealmente dopo che è stata effettuata la puntura lombare. Se il trattamento viene iniziato prima della puntura lombare può essere difficile far crescere i batteri dal fluido spinale e confermare la diagnosi.

Una gamma di diversi antibiotici può curare l'infezione, tra cui penicillina, ampicillina, cloramfenicolo e ceftriaxone. In condizioni di epidemia in Africa in aree con infrastrutture sanitarie limitate e risorse, ceftriaxone è il farmaco di scelta.


Prevenire il contagio


Esistono 3 tipi di vaccini disponibili.


vaccini polisaccaridi sono disponibili per prevenire la malattia da oltre 30 anni. I vaccini polisaccaridi meningococco sono disponibili in entrambi i bivalenti (gruppi A e C), trivalenti (gruppi A, C e W), o tetravalente (gruppi A, C, Y e W) moduli per il controllo della malattia.

Per il gruppo B, i vaccini polisaccaridi non possono essere prodotti, a causa di mimetismo antigenico del polisaccaride nei tessuti neurologici umani. Il primo vaccino contro la NMB, fatto da una combinazione di 4 componenti proteiche, è stato rilasciato nel 2014.

Dal 1999, i meningococco vaccini coniugati contro il gruppo C sono stati disponibili e ampiamente utilizzati. Tetravalente A, C, Y e W i vaccini coniugati sono stati concessi in licenza dal 2005 per l'uso in bambini e adulti in Canada, negli Stati Uniti d'America, ed Europa.

In caso di focolai epidemici da meningococco C, le attuali raccomandazioni internazionali indicano l’opportunità di introduzione della vaccinazione su larga scala nell’area geografica interessata quando l’incidenza è superiore a 10 casi per 100.000 abitanti nell’arco di tre mesi.


Altre tipologie di Meningite


Meningite Pneumococcica


Interessante è notare che oltre la meningite meningococcica esiste anche una meningite di tipo pneumococcica. La meningite è una malattia infettiva delle meningi, potenzialmente letale, causata da Streptococcus pneumoniae. Si tratta della seconda forma più comune dopo la meningite da meningococco, soprattutto negli adulti. Può originare per diffusione dei batteri da focolai già presenti, quali otitimastoiditi sinusiti. La trasmissione avviene per via respiratoria e il mieloma multiplo e l'anemia falciforme costituiscono fattori di rischio. Il trattamento consiste nella somministrazione di teicoplanina, vancomicina e meropenem. La profilassi antibiotica di chi è stato in contatto con un caso non è necessaria, a differenza della forma meningococcica.


Meningite da Haemophilus Influenzae


L’ Haemophilus influenzae b (emofilo o Hi) era fino alla fine degli anni Novanta la causa più comune di meningite nei bambini fino a 5 anni. Con l’introduzione della vaccinazione con l’uso del vaccino esavalente i casi di meningite causati da questo batterio si sono ridotti moltissimo. In passato il tipo più comune era l’Haemophilus influenza b (verso il quale è diretto il vaccino), mentre oggi sono più frequenti quelli non prevenibili con vaccinazione. In caso di meningite da Hi, è indicata la profilassi antibiotica dei contatti stretti.


Dott. Marco Barone

Farmacista - Presidente Associazione "Farma e Benessere"


Bibliografia

Organizzazione Mondiale della Sanita (WHO) (OMS)

Istituto Superiore di Sanità (ISS)


Parole Chiave: Meningite, Sintomatologia, trasmissione, terapia, sintomi

Comments