Rubriche‎ > ‎

Il Dentista Risponde a cura del Dott. Nicola Marotta

Per ulteriori informazioni e consulenze gratuite sia per studi dentali che per pazienti è possibile chiamare il 340.0802880 o inviare una mail a farmaebenessere@libero.it


Rubriche



Il Dr. Nicola Marotta, vive a Cava de' Tirreni con la moglie ed una figlia. Nel 2011 consegue la Laurea Specialistica in "Odontoiatria e protesi dentaria" presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'università "Magna Græcia" di Catanzaro. 
Abilitatosi lo stesso anno all'esercizio della professione di Odontoiatra si iscrive all'Ordine dei Medici ed Odontoiatri di Salerno. Oggi esercita l'attività di medico odontoiatra in due studi: a Cava de' Tirreni e a Napoli. 
Il dottor Marotta è Socio Fondatore della sede S.I.G.M. (Segretariato Italiano Giovani Medici) di Salerno e membro del Consiglio Provinciale rappresentante dei giovani Dentisti Salernitani.

Desiderate porre quesiti al Dottor Nicola Marotta? 

Scrivete una e-mail a:


Odontoiatria e Salute Orale, una questione di “etica”

pubblicato 18 mar 2015, 14:48 da Marco Barone   [ aggiornato in data 18 mar 2015, 14:50 ]

"Il nostro viaggio sul tema della salute della nostra bocca prosegue con un aspetto da non sottovalutare, quello etico. Come noto a tutti gli operatori, la qualità percepita dal paziente è poco o nulla se correlata alla qualità reale dei manufatti protesici che gli vengono inseriti in bocca"

La natura, benevola, tende poi a compensare per un po' di tempo gli errori, anche macroscopici, dell'operatore. Il resto lo fa la memoria del paziente che dopo tre o quattro anni tende a dimenticare il disconfort patito e quindi tende ad essere favorevole ad un successivo rifacimento. Di ciò, ne approfittano operatori privi di scrupoli, primi fra questi i dentisti abusivi, per proporre e realizzare terapie solo apparentemente e momentaneamente idonee allo scopo che si prefiggono. 
Di fatto violando il primo fra i presupposti dell'etica medica “primum non nocere” cioè innanzitutto non fare danni. A tal proposito il paziente ha un’arma con la quale difendersi, che spesso ignora, ed è rappresentata dal sito internet dell’Ordine dei Medici – www.fnomceo.it – mediante il quale è possibile verificare in tempo reale se la persona presso cui intende recarsi in cura è abilitata all’esercizio della professione medica. 

Da un punto di vista pratico invece, il paziente dovrebbe considerare l’aspetto tecnico della cura intesa come riconquista della funzione masticatoria, in quanto relativamente dannose sono le protesi mobili tradizionali, ancor di più quelle combinate, dannose le devitalizzazioni ed addirittura i ponti che sfruttino elementi naturali. Tutto ciò, a maggior ragione, se vengono realizzate in regime di economia da chi vede il paziente come cliente da cui trarre utile ancor prima che come obiettivo di una terapia riabilitativa. La terapia implantoprotesica si pone invece come terapia definitiva incontrando solo nel costo il limite alla sua diffusione. La ricerca di materiali e metodi che, abbassandone il costo, ne consentano l'accesso ad una più vasta gamma di pazienti, trova motivazioni etiche anziché economiche, e noi dentisti dobbiamo impegnarci a farlo!

Associazione Farma e Benessere

Dott. Nicola Marotta

Odontoiatria: Non esistono pazienti “difficili”!

pubblicato 17 dic 2014, 01:08 da Marco Barone   [ aggiornato in data 17 dic 2014, 01:08 ]

Ai pazienti cosiddetti “a rischio” spesso purtroppo viene preclusa la possibilità di ritrovare il sorriso perduto per il timore di eventuali complicanze. Questi sono quei pazienti affetti da diabete, ipertensione, patologie endocrine, renali, etc. o quelli in cura con particolari farmaci quali gli anticoagulanti (warfarin), che il più delle volte vengono  sospesi con troppa leggerezza. 

L’obiettivo comune deve essere quello di trasmettere una maggiore sicurezza a questi pazienti che necessitano di cure odontoiatriche,  anche più complesse quali la chirurgia orale e l’implantologia.

Il suggerimento è quello di affidarsi con fiducia nelle mani del professionista senza dover sospendere le importanti terapie in corso, e in tutta serenità. Per ognuno di questi pazienti viene infatti studiato un piano personalizzato affinché l’esecuzione di terapie odontoiatriche, anche di interventi chirurgici più invasivi, possa avvenire con successo e in assoluta sicurezza. Effettuare una valutazione di più ampio respiro della situazione del paziente, spaziando tra le diverse discipline mediche, è fondamentale per tracciare un quadro completo delle sue condizioni di salute, trovando così con sicurezza la soluzione giusta per ogni problematica all’interno della stessa struttura. 

E’ da sottolineare come sempre più spesso i pazienti che si rivolgono al fisioterapista con dolori muscolo/articolari specialmente legati alla schiena manifestano disagi che nascono da problemi di masticazione, e come disturbi del linguaggio siano imputabili ad un deficit dello sviluppo dell’apparato masticatorio. Per questo è di fondamentale importanza avvicinare anche i bambini all’odontoiatria, già in età precoce, per correggere in anticipo problemi di conformazione della dentatura in quanto la cura del paziente in crescita permette allo Specialista di influenzare lo sviluppo del massiccio cranio-facciale ponendo le basi per una buona masticazione ed un profilo armonico. A tale proposito, nell’ottica di una collaborazione tra le diverse discipline mediche, a favore del paziente e a completamento della diagnosi eseguita dall’odontoiatra e dall’ortodontista, lo Studio Dentistico Marotta ha inserito nella propria equipe, oltre all’anestesista-rianimatore dott. Carmine Mannara, le dott.sse Paola Siani – logopedista  e  Roberta Senatore – specialista in fisioterapia – perfezionata sulle sindromi che colpiscono l’Articolazione Temporo-Mandibolare (ATM).

Noi Odontoiatri tuteliamo la salute delle famiglie facendo informazione ed offrendo servizi professionali di alta qualità grazie alle nuove tecnologie ed andando incontro alle esigenze anche economiche dei pazienti.

Favorire un rapporto di fiducia ed attenzione con il medico, basato su una maggiore informazione al paziente, nonché sul tipo di cura più indicata alle proprie esigenze.

“Questo è il nostro impegno”

 Dott. Nicola Marotta

1-2 of 2