Rubriche‎ > ‎

Uno sguardo alla medicina estetica a cura del Dott. Claudio D'Angelo

        
        Laureato in Chimica farmaceutica presso Università degli Studi di Salerno.

Per ulteriori informazione e domande scrivi a:  farmaebenessere@libero.it o chiama il 350.5008679








Obiettivo benessere , in forma per l'estate : La cellulite

 La cellulite , scientificamente panniculopatia -edemato-fibrosclerotica , è un inestetismo che coinvolge il tessuto sottocutaneo ( ipoderma ) con ipertrofia delle cellule adipose che insieme a ritenzione idrica e di liquidi intercellulari , provoca la classica forma a " buccia d"arancia" della nostra pelle .

La cellulite è provocata da un alterazione del microcircolo ( sistema venoso e linfatico ) che provoca appunto ritenzione idrica causa della minore velocità del flusso sanguigno.

Oggi lo specialista dispone di svariati trattamenti per il paziente : la mesoterapia , iniezione di farmaci ad azione antiinfiammatoria , vascolare e lipolitica , oppure la pressoterapia , pressione tramite applicatori degli arti del paziente oppure tecniche meno invasive come l'elettroporatore con molecole come l'escina tramite geli dermo compatibili e biodegradabili.

Queste terapie vanno però viste non come la risoluzione del problema ma come l'inizio di un percorso curativo che deve includere anche uno stile di vita corretto come mangiare frutta e verdura, bere molta acqua , fare attività fisica , evitare alcool e fumo .....della serie chi bello/a vuole apparire , deve anche un po' soffrire.

Dott. Claudio D' Angelo


Latte d’Asina: Proprietà ed Effetti Benefici a cura del Dott. Claudio D’Angelo

pubblicato 18 mar 2015, 16:25 da Marco Barone   [ aggiornato in data 18 mar 2015, 16:26 ]

"Il Latte di Asina è conosciuto sin dall’antichità per le proprietà nutrizionali e terapeutiche; attualmente molti studi e ricerche dimostrano la validità dell’utilizzo di tale prodotto in campo medico, cosmetico e alimentare"

In particolare è interessante lo studio effettuato dall’Università degli Studi di Napoli e presentato al congresso Europeo sull’obesità di Instabul sulla concentrazione di “grassi” più bassa rispetto a quella del latte vaccino.

Il latte di Asina contiene omega3 ed acidi grassi che tendono a ridurre il colesterolo e proteggere il cuore. In pediatria il latte d’asina viene utilizzato per i neonati che sono allergici alle proteine del latte vaccino.

È un latte naturale con una minore quantità di caseine e proteine dall’alto potere immunogeno. 


Altro aspetto da sottolineare è la sua capacità di regolarizzare la microflora intestinale inducendo la morte dei batteri patogeni e pertanto si può riconoscere al latte d’asina una buona azione prebiotica. Per tutte queste caratteristiche il latte d’asina è consigliato nella dieta ipolipidica così come per l’alimentazione in generale.

Per le componenti fin qui citate, componente grassa e acquosa, il latte d’asina sta diventando un buon elemento nel settore dermo-cosmetico: deterge e idrata rendendo la pelle morbida ed elastica, svolge un azione antiossidante e ipoallergenica; gli acidi grassi svolgono una funzione di difesa delle membrane cellulari.

Basti pensare che sin dall’epoca romana, venivano derivati  prodotti di bellezza per il bagno. In cosmetica quindi lo ritroviamo sotto forma di saponi e creme.

Grazie al suo utilizzo nella produzione di latte, di cosmetici, di integratori alimentari e di alimenti come cioccolata, caramelle e dolci da forno, c’è stata una maggiore salvaguardia degli asini, che sono aumentati di ben 5mila unità e ciò rappresenta un bene, dal momento che si tratta di una specie  a rischio di estinzione in Italia, dove sono presenti le razze pregiate di questo animale.

Associazione Farma e Benessere

Dott. Claudio D'Angelo

 

Oli Essenziali: Caratteristiche e Proprietà Benefiche

pubblicato 03 gen 2015, 09:02 da Marco Barone   [ aggiornato in data 03 gen 2015, 09:03 ]

Rimedi per combattere stress, ansia e squilibri della vita? Impariamo a conoscere e utilizzare gli oli essenziali.

Ebbene si, l’utilizzo di queste sostanze stimola l’umore e gli organi i quali necessitano il loro sostegno donando armonia e benessere , provocando felicità ed euforia , azione di stimolazione sessuale e antidolorifica.

Tramite un processo di estrazione è possibile ottenere queste sostanze direttamente dalle piante e erbe officinali :  Una volta estratti, si presentano come sostanze oleose, liquide, volatili, e profumate come la pianta da cui provengono, dalla struttura molecolare complessa presenti sotto forma di minuscole goccioline sulle bucce dei frutti, nei petali dei fiori oppure nella corteccia e nella resina degli alberi.

La loro principale funzione nelle piante è di difesa da parassiti e dalle infezioni per la salvaguardia della specie mentre per noi l’applicazione  è più diretta e immediata in quanto le stimolazioni olfattive sono le sole a passare direttamente nella corteccia celebrale.

Gli oli essenziali trovano impiego in aromaterapia per equilibrare la sfera psichica ed emozionale e vengono diffusi durante bagni aromatici , saune .

Queste sostanze hanno una ottima affinità per i tessuti e riescono con facilità a penetrare la cute entrando in circolo attraverso il sangue quindi vengono impiegati durante i massaggi. Inoltre alcune essenze possono essere assunte anche per via sistemica per poter sostenere il nostro sistema immunitario:anche se diversamente, gli oli essenziali hanno proprietà antisettiche e antibiotiche.

A questo punto non ci resta che scegliere quello giusto per creare un’atmosfera stimolante o vivacizzare i processi mentali e risollevare l’umore. 

Associazione Volontari "Farma e Benessere"

Dott. Claudio D'Angelo

Invecchiamento Cutaneo: "Acido Ialuronico" per il Trattamento di Rughe e Grinze

pubblicato 02 gen 2015, 15:34 da Marco Barone   [ aggiornato in data 02 gen 2015, 15:34 ]

"Con il passare degli anni, la pelle subisce un processo chiamato invecchiamento cutaneo  che rispecchia il generale invecchiamento del nostro organismo. È un processo naturale e irreversibile che ha 2 principali cause: fattori naturali e fattori esterni"

Le cause naturali sono da ricondursi alla diminuita produzioni di sostanze come il collagene , l’elastina e la melanina ossia quelle sostanze fondamentali per l’elasticità e il tono della cute.

Inquinamento, raggi solari e stile di vita sono invece da considerarsi come fattori esterni che intensificano e anticipano il processo di cronoaging cutaneo.

Gli addetti ai lavori di questo settore sono divisi sul periodo in cui si innesca questo meccanismo: c’è chi parla di invecchiamento come processo unito all’opposizione del nostro corpo  alla forza di gravità e chi ne fa un discorso legato semplicemente al trascorrere degli anni. 


In ogni caso è praticamente impossibile fermare l’invecchiamento cutaneo ma possiamo fare qualcosa per rallentare il processo ossia prevenire!!!

La prevenzione passa da una rivisitazione del proprio stile di vita fino all’utilizzo di trattamenti dove un ruolo importante lo assume la cosmesi.

Creme e cosmetici vengono utilizzati da secoli , anche se non sempre nel modo giusto,  e possono sopperire alle carenze fisiologiche che si manifestano negli anni. 

Il mercato oggi mette a disposizione tutta una serie di prodotti che accompagnano la pelle durante tutte le sue fasi…..ma allora quale scegliere ?

La scelta di un prodotto quindi viene fatta in modo specifico considerando non solo lo stato cutaneo dell’individuo ma anche i principali componenti che definiscono la crema: vitamine, sostanze antiossidanti, nanotecnologie.

Tra queste, l’acido ialuronico viene largamente utilizzato essendo uno dei componenti principali del tessuto cutaneo e perchè  le proprietà di resistenza e mantenimento della forma della pelle sono largamente dovute alla presenza di questa sostanza.

Esso è un elemento costitutivo extra cellulare che fa da componente cementante nel derma e ha il compito di trattenere acqua all’interno delle fibre di collagene. Tecnicamente è un polissacaride altamente idrofilo quindi la sua mancanza porta alla formazione di rughe e grinze.

L’acido ialuronico viene impiegato così sia all’interno dei cosmetici, andando a modificare le sue caratteristiche chimico fisiche come il peso molecolare, sia come sostanza iniettabile con i cosiddetti filler anallergici e dal risultato temporaneo.

Recentemente alcuni studi hanno dimostrato che l'acido ialuronico è coinvolto anche nei processi di proliferazione ed accrescimento di peli e capelli, aprendo nuovi orizzonti nell'impiego cosmetico di questa importante sostanza: la diffusione ad uso privato rimane però la sua maggiore applicazione andando ad alimentare un mercato in continuo sviluppo e crescita anche in tempi di crisi economica.

Dott.Claudio D'Angelo 

Associazione Volontari "Farma e Benessere"

scrivici: farmaebenessere@libero.it

1-3 of 3