Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo finale del nuovo decreto legge Covid-19

Il “green pass” sarà valido da 15 giorni dopo la prima dose di vaccino e durerà 9 mesi

La “certificazione o passaporto vaccinale Covid-19” ha una validità di nove mesi dalla data del completamento del ciclo vaccinale.

Il decreto stabilisce che il “green pass” sia rilasciato “anche contestualmente alla prima dose di vaccino” e che diventi valido dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione.

Oltre al certificato vaccinale, sono considerati “green pass” anche il referto di un tampone antigenico rapido o molecolare negativo effettuato al massimo 48 ore prima e il referto dell’Asl che certifica la fine dell’infezione e quindi la guarigione dal coronavirus. Quando ci si vaccina viene consegnato anche il documento che certifica la somministrazione del siero.

Se invece siamo appena guariti dal Covid allora sarà il medico a certificare l’immunizzazione oppure la struttura sanitaria presso la quale ci si è curati.

Infine, nel caso di tampone, è la struttura che ha eseguito il test a rilasciare il documento.

Tutto questo in attesa di avere il green pass digitale che dovrebbe agevolare tutti i passaggi appena descritti.

 

Ecco il Passaporto Vaccinale!

La Regione Campania rende noto attraverso il suo sito istituzionale che ad oggi sono state consegnate 170.000 card di avvenuta vaccinazione al personale sanitario che ha completato la somministrazione con la seconda dose.

Sono circa 4 milioni le card di “passaporto vaccinale” già ordinate e saranno consegnate a tutti i cittadini vaccinati.

“L’obiettivo – ha dichiarato il Presidente Vincenzo De Luca – è utilizzare tale certificazione per rilanciare interi settori economici, in particolare il comparto turistico, cercando di legare la straordinaria offerta dei nostri territori alla certificazione di immunità degli operatori del settore”.

La consegna va in ordine di vaccinazione – si dice in una nota – e quindi ora si sta completando il settore sanitario, con medici e infermieri che sono stati i primi a concludere il trattamento. La Regione intanto sta continuando a stampare le card perché ha l’obiettivo, entro la fine di maggio, di consegnarle direttamente negli hub vaccinali al momento delle somministrazioni della seconda dose.

Con la card della Campania, si apprende dalla Regione, non si potrà violare la norma nazionale del coprifuoco, ma se ad esempio la Regione tornasse in zona rossa, chi la possiede potrà andare in giro senza restrizioni.

La card garantisce, si precisa, anche la possibilità di viaggiare verso altre regioni italiane.

Laboratorio Minerva

Corso Umberto I, 395
84013 – Cava de’ Tirreni (SA)

Tel. 089 464403 – lab.minerva@libero.it